Perfezionare l’anamnesi odontoiatrica per fidelizzare i pazienti dello studio

Il modulo di anamnesi odontoiatrica è un documento fondamentale per la diagnosi e la definizione del piano di trattamento del paziente.

anamnesi odontoiatrica

Anamnesi

In medicina, l’anamnesi svolge un ruolo fondamentale nella valutazione e nella gestione del paziente. Oltre a consentire al medico di ottenere una comprensione completa del quadro clinico del paziente e di identificare eventuali fattori di rischio o condizioni preesistenti che possono influenzare la salute, l’anamnesi è il primo passo per costruire un rapporto medico-paziente basato sulla fiducia e sulla conoscenza reciproche. 

L’importanza dell’anamnesi odontoiatrica

La storia medica di un paziente può avere implicazioni significative anche sulla salute orale e sulla pianificazione del trattamento odontoiatrico, consentendo al dentista di sviluppare un piano di cura personalizzato e mirato alle esigenze specifiche del paziente.

Il paziente può inoltre fornire -anche inconsapevolmente- informazioni fondamentali per individuare segni precoci di malattie e a prevenire complicanze future.
Ad esempio, un paziente con diabete potrebbe essere più incline a problemi gengivali o a un recupero più lento dopo un intervento chirurgico.
Ed è bene perciò che l’anamnesi odontoiatrica sia periodicamente aggiornata perché il medico sia sempre in possesso di informazioni reali sullo stato di salute dei suoi pazienti e possa confrontarle con i trend e i dati sanitari globali.

Negli ultimi anni, per esempio, l’ISS ha lanciato un allarme sul numero di pazienti affetti da Apnee Ostruttive del Sonno e sulle importanti conseguenze che ha sul Sistema Sanitario. Oggi le OSAS più gravi sono di competenza pneumologica, ma la maggior parte dei casi rientra in un ambito odontoiatrico (ne avevamo già parlato qui). Ma quanti studi dentistici includono domande relative ai disturbi del sonno nel proprio modulo di anamnesi odontoiatrica?

Vediamo perciò quali sono i contenuti che dobbiamo considerare nella stesura del modulo di anamnesi odontoiatrica del nostro studio.

Contenuti essenziali del modulo di anamnesi odontoiatrica

La scheda anamnestica del paziente deve raccogliere una vasta gamma di informazioni, tra cui:

  • Dati anagrafici del paziente (nome, età, indirizzo, codice fiscale, numero di identificazione dell’assicuratore, telefono ed email);
  • Abitudini e stile di vita del paziente (fumo, consumo regolare di alcol, dieta, attività fisica);
  • Allergie e reazioni a farmaci o ad anestesia;
  • Condizioni mediche preesistenti (come diabete, ipertensione, gravidanza) o trattamenti in corso (come chemioterapia) con effetti collaterali che possono influenzare la salute orale;
  • Farmaci attualmente assunti (compresi i farmaci da banco) che possono influire sulla salute orale;
  • Eventuali recenti malattie, interventi di implantologia o ricoveri con impatto sulla salute orale;
  • Lesioni e sintomi orali riscontrati dal medico curante.


Raccogliere queste informazioni in modo completo ed accurato è fondamentale per garantire un trattamento sicuro ed efficace del paziente.

Informazioni utili per completare l’anamnesi odontoiatrica

Oltre alle informazioni strettamente necessarie ai fini di prevenzione, diagnosi e stesura del piano di trattamento, ci sono alcuni dati che può essere molto utile raccogliere per la gestione strategica dello studio.

Consigliamo perciò di inserire alcune domande che indaghino:

  • la provenienza del contatto, ovvero il motivo per cui il paziente si trova seduto per la prima volta in sala d’aspetto.
    Sappiamo infatti che il passaparola è ancora lo strumento di referral marketing più potente nel settore dentale: ecco però come renderlo efficace;

  • le preferenze orarie nella pianificazione degli appuntamenti
    Oggi tutti conduciamo una vita iper-attiva e carica di impegni. Per poter seguire efficacemente un piano di trattamento e igiene è importante perciò che il paziente trovi in studio una certa disponibilità nei suoi orari preferiti. 
    Molto spesso dall’analisi di segmentazione del database dei pazienti degli studi, emerge il fatto che gli studi non vengono coinvolti nella cura della salute orale di tutta la famiglia. La possibilità di fissare appuntamenti per adulti e per bambini in momenti sovrapponibili o contigui può, per esempio, essere una soluzione per poter occuparsi dell’intero nucleo familiare.

  • il numero e l’età dei figli
    Proprio per sviluppare il tema dei nuclei familiari, appena citato, e definire la strategia e l’organizzazione dei servizi proposti dallo studio, è importante reperire informazioni riguardo la composizione dei nuclei familiari dei pazienti adulti dello studio.

  • i contatti email e cellulare
    Le anagrafiche dei pazienti presenti nei gestionali degli studi contengono già tutte le informazioni di contatto, ma negli studi più longevi questi sono spesso mancanti di dati che oggi risultano fondamentali per poter svolgere attività di marketing o comunicazioni efficaci nei confronti dei propri pazienti.
    Tra queste le due informazioni chiavi per poter svolgere attività di comunicazione dirette sono gli indirizzi email -su cui è possibile fare attività di email marketing- e il numero di cellulare -con cui è possibile inviare rapidamente comunicazioni, aggiornamenti e news dello studio.


    Queste modalità possono essere utilizzate anche per la diffusione di campagne di prevenzione attraverso i questionari di Ciaodoc per lo screening di patologie ostruttive del sonno, problemi pedodontici o rischio odontoiatrico. Scopri come Ciaodoc può essere utilizzato per promuovere la prevenzione dei tuoi attuali pazienti.

Gestione dei dati dell’anamnesi odontoiatrica e tutela della privacy

Con l’avvento delle normative sulla protezione dei dati personali, come il GDPR, è essenziale che gli studi dentistici adottino pratiche di gestione dei dati sicure e conformi alle normative. L’archiviazione digitale delle schede di anamnesi può migliorare la sicurezza dei dati e ridurre i rischi associati alla conservazione di documenti cartacei. Inoltre, è importante garantire che i sistemi utilizzati per la raccolta e l’archiviazione dei dati dei pazienti siano protetti da accessi non autorizzati e che vengano adottate misure appropriate per garantire la riservatezza delle informazioni.

Migliorare l’esperienza del paziente e l’immagine dello studio

L’introduzione di soluzioni digitali per la compilazione dell’anamnesi può migliorare l’esperienza complessiva del paziente. Ad esempio, l’utilizzo di tablet o dispositivi mobili per la compilazione delle schede di anamnesi, oltre a ridurre il consumo di carta e il lavoro di archiviazione, semplifica notevolmente l’esperienza del paziente, trasmettendo un’immagine aggiornata e innovativa dello studio. Oltre a ciò, rende più semplice la consultazione e la condivisione delle informazione all’interno del team dello studio, e rende immediato mantenere aggiornato nel tempo il modulo di anamnesi odontoiatrica. 

Conclusioni

In conclusione, l’anamnesi odontoiatrica è un elemento fondamentale della pratica dentistica, che fornisce informazioni cruciali per garantire un trattamento sicuro ed efficace del paziente. 

Sfruttare al meglio le soluzioni digitali, come Ciaodoc, può migliorare significativamente l’efficienza della compilazione dell’anamnesi, garantire la conformità alle normative sulla protezione dei dati e migliorare complessivamente l’esperienza del paziente. 

Ciaodoc contribuisce a potenziale l’alleanza terapeutica tra medico e paziente: per saperne di più guarda il video tour della piattaforma.

Indice

Altri articoli dal blog

pazienti dormienti dentista
Affrontare il dilemma dei pazienti dormienti: strategie per riportarli in studio
messaggi di richiamo dentista
I messaggi di richiamo dentista: come renderli un fattore di successo dello studio
gestione studio dentistico
Gestione studio dentistico: il nuovo paradigma dell’odontoiatra imprenditore